lunedì, settembre 29, 2008

Il Giorno della Tarma

Con questa violenza no, non era mai capitato. Con questa cattiveria no, non l’avevano mai fatto. Con questa faccia tosta no, non le avevo ancora conosciute. Le tarme. ‘Ste stronze. Se li so’ magnati tutti. I maglioni di Alberto. Con una particolare predilezione per quelli di cachemire e quelli molto costosi. Per essere precisi, ne è stato risparmiato solo uno, quello blu, che un lavaggio troppo zelante della zelante Mirna aveva già infeltrito a suo tempo, rendendolo non dico inusabile, ma quanto meno singolare, in termini di stile.

Alberto se l’è presa a male, parecchio. E allora di comune accordo si è proclamato Il Giorno della Tarma. Non ne rimarrà neanche una. Alberto conduce le operazioni, io sarò il luogotenente. Gabriele è entusiasta, sarà il caporale. (Poi, naturalmente, c’è un intero esercito di Gormiti a darci man forte).

Alberto va in un negozio di quelli che sembrano delle boutique ma che invece vendono prodotti per la pulizia molto molto specifici. Spiega il problema al signore e lui sposa la causa. “Dobbiamo usare le armi pesanti”, spiega. Sono 27 euro, grazie.

Operazione n.1: svuotare l’armadio
Iniziamo dalle 2 ante che hanno riportato più danni. La cubatura già così non è male, visto che l’armadio è alto più di tre metri. Tra due sedie, nell’ingresso, viene sospesa la scopa, per appenderci gli abiti. Poi la scopa si riempie, e si procede ad operazione analoga usando lo spazzolone. Maglie maglioni e affini vengono sparse su ogni superficie disponibile in camera (che, per inciso, è la camera di Gabriele).

Operazione n.2: lavare l’armadio
Scala, secchio, panni umidi e sgrassatore, e olio di gomito. Che poi intanto mi chiedevo: “Ma farà bene all’armadio essere lavato con lo sgrassatore?” Ma la guerra è guerra, e Alberto parecchio inscimmiato. E poi Gabriele adora spruzzare lo sgrassatore. Non c’è pietà.

Operazione n.3: spruzzare il veleno nell’armadio
Si chiama ZZ Kill, e il nome è già tutto un programma. Lo spruzziamo in lungo e in largo, e poi lasciamo l’armadio aperto. Anche la finestra rimane aperta, almeno per 2 ore, ha detto l’omino, ma noi abbondiamo. Questo è veleno, signora mia.

Operazione n.4: spruzzare l’antitarme su ogni singolo capo prima di riporlo nell’armadio
In sé l’operazione è semplice. Ovvio, prende un po’ di tempo. E poi non è neanche così privata, come cosa, visto che la vicina, di ritorno dall’oratorio, ci chiede come mai c’è una scia di odore di antitarme che parte dal cortile e arriva proprio a casa nostra. Ecco, questo è il modello.

Alle 8 di sera il caos regna ancora sovrano, ma in compenso abbiamo maturato la consapevolezza che, per questa notte, nessuno dormirà nella stanza dell’armadio. Gabriele ne è felice, ovviamente. Noi abbiamo un po’ paura ad avvicinarci. Io sono parecchio raffreddata, e quindi affronto abbastanza disinvoltamente il compito di recuperare le truppe di Gormiti che, a questo punto, devono trasferirsi anche loro, temporaneamente, in sala.

Non è finita, però. Presto si procederà alla detarmizzazione delle altre 2 ante e dell’armadio della mansarda, che per fortuna è piccolo. Dopodiché si potrà procedere con il cambio di stagione. A occhio, ne abbiamo fino a Natale. Odio le tarme.

5 commenti:

copyman ha detto...

Cactus! Detesto anch'io le tarme, sia quelle mangialana che quelle del cibo.
Suppongo che il Creatore avesse esaurito la scorta di buonumore assemblando l'ornitorinco, così con gli carti di magazzino creò l'insulsa e vorace tarma.

Miriam ha detto...

Ok! Ci sto! Istituita la giornata anti-tarme!
Povera.. :)
Però hai ragione: La guerra è guerra!!
In bocca al lupo!
Saluti al caporale e all'esercito dei Gormiti!!

Miriam (mammenellarete)

Anonimo ha detto...

Ciao, sono arrivata per caso al tuo blog e la vicenda del tarmicidio in atto in casa vostra mi ha "colpita". Se poi penso a quei costosi maglioni in cachemire del consorte, mi vengono i brividi!
Compagne infide, le tarme.. Anche da me hanno colpito: fra gli altri, i pantaloni del marito che presentavano una miriade di buchettini nella zona anteriore.
Un saluto.
Cautelosa
www.cautelosa.splinder.com

Annachiara ha detto...

Che culo.
Il solito culo, oserei dire.

Quanto alla riapertura del mio blog, tu sai, o Giuliana, quanto io sia restia a pubblicizzare le mie imprese...
Un abbraccio

info@ecovima.it ha detto...

buonasera sono Marzio Vigani,concessionario del marchio zz kill,ringraziandola per la fiducia le suggerisco anche una visita al ns sito http//zzkill.it
dove troverà altre utili informazioni,inoltrre zzkill è un'ottimo acaricida usato su cuscini e materassi garantisce almeno tre settimane senza l'odioso acaro,riguardo all'odore mi permetta di precisare che il prodotto ne è sprovvisto ha solo un sapore amoragnolo per evitare l'ingestiobe ai piu' piccoli,rimango a sua disposizione per qualsiasi chiarimento.info@ecovima.it
3482210430 fax 0362971204
cordiali saluti
ecovima