venerdì, maggio 21, 2010

Tre grani di sale

Tre sere fa ho avuto una specie di collasso. Nonostante la temperatura, ho indossato un maglione da grande freddo e mi sono stesa sul divano sotto un plaid di pile, incapace di tenere gli occhi aperti. Temperatura: 35,4; pressione: 84/50. Credevo di essere morta e non essere stata avvertita.

Il giorno dopo ho raccontato la cosa alla tata. La quale, oltre ad essere una specie di Mary Poppins per mio figlio, è anche persona di grande saggezza ed esperienza, doti che fanno di lei, indiscutibilmente, un pilastro della mia casa.

E lei mi fa: “Da tre a cinque grani di sale, al mattino, prima di colazione, con un bicchiere d’acqua”.

“La pressione si alzerà un po’, e magari va meglio davvero”, mi sono detta ieri mattina, pensando che in fondo tentar non nuoce.

Il bilancio di ieri è stato:
•    Chiusura di due documenti enormi
•    Presentazione da un cliente
•    Aperitivo a base di prodotti biologici e un’interessantissima presentazione su Google AdWords
•    Ma soprattutto, tra una cosa e l’altra: ceretta!
•    Il tutto condito da una trentina di telefonate e uno scambio di email con diversi svariati soggetti per l’organizzazione di una cosa che comincia a somigliare al Giubileo.

Assodato che di sale trattasi, e non di altra sostanza psicotropa, ho deciso di continuare l’esperimento. Voi non ci provate, vi faccio sapere io come è andata tra una settimana, dieci giorni. Naturalmente, se non avete notizie, sappiate che vi ho voluto bene.

Adesso scappo, che devo rispondere a 75 email, fissare un appuntamento con il commercialista e uno col dentista, parlare con 12 persone per comunicare una roba, andare a pranzo con la mia amica, comprare un regalo di compleanno, andare al saggio di ginnastica di mio figlio, fare un salto al Wordcamp, preparare i bagagli e fuggire per il week end. Che spero sia ottimo per tutti.

8 commenti:

Mamma in 3D ha detto...

:-D
Conosco il problema pressione bassa e, siccome gli addetti ai lavori rispondono soltanto: "meglio bassa che alta!", occorre cavarsela con la saggezza popolare.
Sapevo della liquirizia e dei cibi salati (io vado di pane con le acciughe... buono!), ma i tuoi grani di sale mi sembrano miracolosi e farebbero proprio il caso mio.

CosmicMummy ha detto...

a me avevano consigliato liquirizia prima di andare in palestra(quando ancora avevo tempo di andarci)... la scusa era buona, la liquirizia mi piace da morire! ;-)

Anonimo ha detto...

Sarei molto tentata non tanto per il piacere di ingurgitare sale ma per le prestazioni eccellenti che potrei ottenere...solo che mi è venuto un dubbio, il sale non causa ritenzione idrica?? e come la mettiamo con la cellulite proprio adesso al debutto della stagione balneare?
Stefania mamma di Vittoria

Annachiara ha detto...

eh eh, il sale mi pare un ottimo suggerimento!

P.S. In caso di morte (mia, oovviamente) la cosa che mi angoscia di più sono le password: come farà mio marito ad annunciare la ferale notizia a tutti i miei amici di network?)

farmaciaserrage ha detto...

Se ti fa fare cosi' tante cose ,sicura che sia sale....

mammafelice ha detto...

ehhee se ci metti anche un po' di limone, hai fatto il gatorade :D
acqua, sale e vitamina C: serve a reintegrare i liquidi persi...

MammaCheDisastro! ha detto...

SONO UN'INFERMIERA E SE è BASSA...I TRE GRANULI FUNZIONANO BENISSIMO!

Maurice ha detto...

La controprova è mia suocera (la suocera!) che, avendo LEI la pressione alta, impone la desalinizzazone dei cibi a tutti. Guai a chiedere la saliera in tavola: ché piovono dalla sua bocca lezioni magistrali sulla pericolosità del sale. Tientele per te, io ho già di mio la pressione bassa.