giovedì, settembre 20, 2007

Vite allagate

Non sia mai detto che uno non sconti pesantemente le cose belle che ha fatto. Così, a parte una serie di contrattempi che hanno triplicato il budget del nostro favoloso (e ormai famigerato) week end parigino (contrattempi che non riferirò perché mi vergogno troppo), basti al mio affezionato pubblico la puntata finale.

Esterno giorno
Aeroporto di Orio al Serio, arrivi
Lunedì, ore 12.00

Io (al telefono): “Tata? Ciao, siamo arrivati! Siamo appena atterrati, ora andiamo a prendere la macchina. Tra un paio d’ore puoi venire a prenderti Gabri, così noi andiamo al lavoro”
Tata: “Ciao, Giuliana. Ah ma siete a casa?”
Io: “No, tata, siamo in aeroporto”
Tata: “Ah, va bene. Allora fra un po’ vengo”
Io: “Tra un paio d’ore, tata. Tempo che ci facciamo una doccia, mangiamo qualcosa…”
Tata: “Senti, ehm…”
Io: “Dimmi, c’è qualcosa che non va?”
Tata: “No, ti volevo dire… Sabato mi sono permessa di salire da te… Perché la Vicina mi ha chiamato e mi ha detto che c’era una macchia di umidità nelle scale…”
Io: “…”
Tata: “E insomma sono venuta su col Tato (suo marito) e abbiamo visto che c’è una macchia anche nel tuo ingresso, e che l’acqua viene dal bagno di sopra”
Io: “Ah. E…”
Tata: “Il Tato ha chiuso l’acqua, sopra e sotto. Quindi ora che arrivate a casa sappiate che l’acqua è chiusa”
Io: “Ah. Va bene… Grazie… Ringrazia anche il Tato… Ci sentiamo più tardi… Ciao, Tata”.

Esterno giorno
In macchina, sull’autostrada verso Milano
Lunedì, ore 12.15

Io: “…E insomma, la Tata e il Tato hanno chiuso l’acqua. Sopra e sotto. Speriamo che non ci sia un macello…”
Alberto: “Speriamo”
Gabriele: “Ma adesso andiamo a casa? Perché non andiamo di nuovo a Parigi?”

Interno giorno
Casa, ingresso
Lunedì, ore 13.10

Alberto: “Apro l’acqua, poi vado a vedere di sopra”
Io: “Ok, io vado in bagno, arrivo subito”

Urletti dal piano di sopra. Zampette sulle scale. Gabriele è davanti alla porta del bagno.

Gabri (urlando): “Mammaaaaaaaaa!!!! Vieni a vedereeeeee!!!”
Alberto (urlando ma meno): “Gabri, lascia stare la mamma. Poi verrà”
Gabri (ancora più forte): “MAMMAAAA!!! C’è tutta l’acqua a terra!!! C’è un lago!!!”

Esco dal bagno. Gabriele è eccitatissimo, mi tira su per le scale. Intanto bussano alla porta.

Io: “Avanti, è aperto!”
Tata: “Ciaaaooo! Siete tornaaati!”
Io: “Sì, siamo tornati. Vado a vedere di sopra, scusami un attimo”
Gabri: “Tata, lo sai che sopra c’è l’acqua a terra? Un sacco, è un lago!”
Tata: “Ma no, Gabri, l’abbiamo chiusa, l’acqua…”

Bussano ancora alla porta. Entra il cane della vicina-nonna. Entra la vicina-nonna.

Vicina: “Ciaaaooo!!! Siete tornati!!!”
Gabri: “Nonna, lo sai che sopra c’è l’acqua a terra? Un sacco, è un lago!”
Vicina: “Ma no, Gabri, l’abbiamo chiusa, l’acqua…”
Gabri: “Nooo, vi ho detto che c’è l’acqua!”

Interno giorno
Casa, mansarda
Lunedì, ore 13.20

Io: “Cazzo”
Alberto: “Cazzo”
Io: “Ma da dove cazzo è entrata?”
Alberto: “E che cazzo ne so?”
Io: “Miiiii… Io asciugo, tu chiama l’idraulico per il tubo e M. (l’uomo della ristrutturazione, ndr) per il tetto. Tanto qua è il tetto”

Ecco, io l’ho pagata così. Oggi pomeriggio dovrebbe venire il signore del tubo. Sono senza acqua calda da lunedì. Lavarsi è un piacere, la mattina. Anche la sera, a pensarci bene. Ieri invece è venuto quello del tetto. Un piccolo risarcimento: era lo zingaro di Chocolat ;)

11 commenti:

Maurice ha detto...

Aspetta e spera. Ho comperato i nuovi rubinetti a luglio, oggi 20 settembre stanno ancora aspettando l'idraulico.
Tanti auguri!

kabalino ha detto...

Comunque Juliette Binoche ha i polpacci grossi ma non si vedono perché tanto uno le guarda il viso...e comunque io ti farei riguardare il tetto da un muratore bergamasco che, non so, mi fiderei di più

fabdo ha detto...

Ti chiedo perdono in anticipo, (capisco che disagi abbiate ora per via del "laghetto" ^-^), ma mi hai fatto morire dal ridere leggendo l'escalation...^_^
Comunque, come canta la canzone "always look on the bright side of life"...la "consolazione" finale non l'avresti avuta senza l'allagamento! ^_^

Succes ^_=

p.s. manco a farla apposta ieri ho scritto qualcosa, di genere meno allagato ^_^, che ricorda il tuo bello zingaro...poi dici le coincidenze!

giuliana ha detto...

@ maurice: il seguito non lo racconto perchè ormai è raccapricciante. in estrema sintesi: ho il bagno tutto sfondato, due tubi bucati e un cratere nelle scale. domani ripareranno i tubi e forse riusciremo a capire se la perdita è lì dove si pensa che sia. aspetta e spera :)

@ kabalino: una sera ho cenato in un ristorante proprio di fianco a juliette binoche, ed è così bella che sì, non puoi smettere di guardarla... quanto ai magutt bergamaschi, sono una specie in via di estinzione, per lo più selvatica, perciò mi sono accontentata (si fa per dire) dello zingaro.

@ fabdo: letto, affascinata, commentato :)

LA CONIGLIA ha detto...

io passai l'estate scorsa senza acqua...senza acqua calda è brutto, ma senza acqua proprio e l'obbligo di lavarti col bidoncino è anche peggio....ma spero si risolva tutto presto!

Chiara ha detto...

OK, ora vado a casa e mi autosaboto il tetto ;-)

MasterMax ha detto...

mi ha ricordato un ritorno dalle vacanze di qualche tempo fa. Grazie per le risate, ne avevo bisogno (forse tu del tubo rotto un po' meno ;)
Il blog è molto carino, ripasserò.
Saluti, Max

Gallinavecchia ha detto...

Mi dispiace per questo vostro brusco rientro ai casini di tutti i giorni ma (non ti incavolare) ho riso troppo! ;-)
bacio
Gallina

Annachiara ha detto...

Ora hai capito perché i francesi hanno tutti quegli orrendi tubi scoperti???

Labelladdormentata ha detto...

Ti ho nominata per la solita catena, regalatami da Maurice. Otto caratteristiche o fatterelli che ti riguarano e altri 8 blogger a cui passare la palla!
baci

pOpale ha detto...

Se può consolarti io ho tirato lo sciaccuone ed è cominciata ad uscire acqua dal pavimento... sono un pò preoccupato l'idraulico ha detto che "prima di domani non viene" senza specificare la data o_O